Unpli Salerno, enti pubblici e Pro Loco: forti sinergie per rilanciare lo sviluppo post Covid – Le Video-interviste

Nella suggestiva cornice del Santuario di Sant’Antonio di Polla (SA), sabato 9 ottobre, si è svolta l’assemblea delle Pro Loco della Provincia di Salerno aderenti all’UNPLI, Unione Nazionale Pro Loco d’Italia, nel segno della vivacità e dell’unità, nella quale si evidenzia il protagonismo del mondo delle Pro Loco organizzate e strutturate nell’UNPLI APS.

Ad accogliere i presidenti e delegati, delle oltre 110 Pro Loco Salernitane associate all’UNPLI, Maurizio D’Amico, Presidente della Pro Loco di Polla, e Marcello Nardiello, Presidente del Comitato Provinciale UNPLI Salerno, i quali hanno voluto fortemente lo svolgimento di quest’incontro nel Vallo di Diano, in modo da focalizzare maggiore attenzione nelle aree interne della provincia, sottolineando la vicinanza e l’attenzione del coordinamento UNPLI anche ai piccoli borghi.

Il Presidente Nardiello, nell’apertura dell’assemblea, esprime la sua gratitudine per l’ospitalità ricevuta dal primo cittadino Massimo Loviso, e così commenta: Auspico in una fattiva e ricca collaborazione tra gli enti, le istituzioni e le Pro Loco del nostro territorio, per evidenziare l’enorme valore delle aree interne della provincia di Salerno. In quest’ottica di collaborazione e crescita, tra i territori e le comunità, sarà possibile ottenere attraverso l’unione, il massimo rendimento e nel contempo garantire forza e rappresentanza alla provincia e alla regione. Al comitato UNPLI Salerno e alle Pro Loco va il mio plauso e sostegno, un volontariato puro che con professionalità e dedizione da sempre valorizza i nostri borghi”.

Hanno preso parte al tavolo istituzionale, oltre ai rappresentanti UNPLI, Tony Lucido, Presidente Regionale Campania, e Mario De Iuliis, Consigliere Nazionale, i consiglieri regionali l’On. Avv. Corrado Matera e il Dott. Tommaso Pellegrino, i quali hanno rimarcato l’importante ruolo delle Pro Loco nella promozione sociale e turistica riconoscendone il grande impegno associativo che queste mettono in campo.

L’Avv. Matera ha ribadito l’impegno ed il sostegno alle Pro Loco e in particolar modo ai comitati UNPLI, i quali assistono oltre 558 associazioni campane, con oltre 23.000 soci iscritti, dei quali circa 6.000 operativi nella provincia salernitana. Dal confronto tra i rappresentanti è emerso la necessità condivisa di “una nuova politica di apertura a innovative e moderne pratiche del ‘Fare Cultura’, basate sul confronto, sulla condivisione, sulla collaborazione e sull’organizzazione di attività e/o eventi variegati capaci di attrarre diverse forme di utenza e turismo percorrendo strategicamente e con attenzione quanto delineato all’interno del piano di proposta turistico culturale formulata dalla legge Regionale sul Turismo, al quale è necessaria aggiungere una stretta e fattiva cooperazione con l’Agenzia Regionale per la promozione del turismo della Campania favorendo il brand Campania”.

Tony Lucido ha fatto il punto della situazione per i Presidenti delle Pro Loco informandoli sui rapporti con la Regione Campania, sulle dinamiche del turismo del post-covid e sul ruolo delle Pro Loco nel Terzo Settore, così dice riguardo l’UNPLI: “Con il Presidente Provinciale Nardiello e con il Consigliere Nazionale De Iuliis, vi è unità ed intesa, così come nell’intero coordinamento regionale; la nostra è una famiglia ben organizzata e strutturata e ne è l’evidenza l’assemblea di oggi, nella quale si evince il protagonismo e la voglia di stare insieme”.

Il consigliere Mario De Iuliis, pienamente soddisfatto della folta partecipazione all’assemblea, evidenzia: “La nostra provincia, riconosciuta dall’Unesco per circa tre quarti della sua estensione, è uno scrigno di bellezze e di tesori talvolta nascosti. L’impegno delle Pro Loco è quello di valorizzare sempre di più la nostra storia, un enorme patrimonio che abbiamo il dovere e l’onere di far conoscere e promozionare, dalla costa alle aree interne”.

Il presidente provinciale UNPLI entrando nel merito dei lavori assembleari, tra cui l’approvazione del bilancio di previsione per il 2022, ha rimarcato: “Il compito del nostro comitato alla luce delle diverse difficoltà è di dimostrare insieme con voi, che siete gli attori protagonisti della nostra provincia, che il patrimonio dei nostri borghi è una ricchezza da conoscere, gestire e promuovere e non un problema da risolvere o da gestire. Abbiamo pertanto la necessità di investire su formazione, innovazione e sostenibilità, turismo di prossimità, valorizzazione e tutela dell’ambiente, valorizzazione dei percorsi enogastronomici, religiosi, creare itinerari, sviluppare culture e tradizioni. Questi di sicuro sono alcuni degli ingredienti fondamentali per ripartire e per contrastare lo spopolamento dei nostri territori e la mancanza di lavoro. La ricchezza dei nostri territori è un’opportunità di lavoro e di rilancio per la provincia di Salerno e per la Campania”.

Al termine dei lavori, nel pomeriggio, si è svolta una visita guidata al Complesso Monumentale di Polla a cura dell’associazione Lilium tenuta dalla Dott.sa Maria Francesca Ammirante, un suggestivo racconto il suo ricco di dettagli storici ed artistici i quali hanno reso la partecipazione immersiva e coinvolgente soprattutto perché a fare da guida, nella descrizione del crocefisso di frate Umile da Petralia, è stata una bimba di soli 14 anni che, con dovizia descrittiva e competenza, ha illustrato e guidato gli astanti nella lettura dell’opera scultorea presente nella chiesa del santuario ove insistono quadreria ed affreschi di rilevante qualità artistica.