Portici, verso le elezioni del 2022: trattative a sinistra per contrastare la corazzata Cuomo

E’ già tempo di campagna elettorale nella città di Portici. In particolare, ci sono trattative in corso in vista delle elezioni comunali del 2022. In particolare, si stanno sedendo a un tavolo di trattative i rappresentanti di Movimento 5 Stelle, Liberi e Uguali, la Sinistra Italiana, i Verdi, Dema, Psi e Centro Democratico. L’obiettivo è quello di creare una forza politica che possa, tra un anno, riuscire a far fuori la corazzata Cuomo.
“Parliamo di una città piccola ma ad alta densità abitativa, con tanti problemi legati soprattutto alla viabilità. Per questo motivo occorre progettare nuove strategie – spiega Alessandro Caramiello (Movimento 5 Stelle) -. Dobbiamo puntare a istituire parcheggi periferici per alleggerire il traffico cittadino. L’obiettivo è dunque quello di una smart city, riprendendo il concetto del Bike Sharing ma con una politica sostenibile, intesa come trasporti ecologici; rimozione delle strisce blu, internalizzazione dei servizi e riorganizzazione delle risorse”.
“Dobbiamo spostare la sede della Leucopetra dal territorio di Ercolano – prosegue Caramiello -. Parliamo di una sede di proprietà di un privato a cui versiamo 190 mila euro l’anno – prosegue -. Superata questa pandemia dobbiamo cercare di reperire fondi e riuscire a sfruttare le tante strutture presenti in città”.
Dunque, proprio come ribadito durante gli ultimi consigli comunali a Portici, l’obiettivo dell’opposizione è quello di “riuscire a reperire fondi per reinvestire in servizi per la comunità. Soprattutto in termini di viabilità e sostenibilità, due temi che continuano a presentare numerose falle, sia in termini di traffico sia per essenza di trasporto pubblico ecologico.
Un altro importante passo – aggiunge Caramiello – è l’attivazione dei progetti di pubblica utilità: i percettori del reddito di cittadinanza potrebbero essere indirizzati verso la pulizia di giardini, parchi, spiagge, digitalizzare gli archivi comunali”.