Pompei, guerra per il simbolo Pd. Lo Sapio: “Amarezza per aver appreso queste divergenze dai giornali”

“Resta la mia amarezza per aver dovuto apprendere a mezzo stampa motivazioni ostative per la candidatura a sindaco di Pompei. Gli episodi menzionati, risalenti a diversi lustri fa, sono stati ampiamente e positivamente superati. Credo sia il caso di andare oltre qualsivoglia strumentalizzazione nell’esclusivo interesse della città”.

Sono le dichiarazioni del candidato a sindaco di Pompei per il centrosinistra, Carmine Lo Sapio, che interviene in merito alla decisione della segreteria provinciale del Pd di Napoli di non rilasciare il simbolo del partito per la candidatura di Lo Sapio.

“Le rispettive indicazioni a segretario del partito – spiega proprio Lo Sapio – e successivamente a candidato sindaco di Pompei sono venute in successione e all’unanimità rispettivamente determinate dal direttivo di Circolo e dalla coalizione che si appresta ad affrontare la prossima campagna elettorale. Riteniamo fondamentale il contributo costante del Segretario Metropolitano e di tutti i vertici del Partito in occasione della prossima tornata elettorale il cui esito resta vitale per il futuro della città”.

Di seguito riportiamo il documento politico sottoscritto da tutti i gruppi politici di Pompei che hanno aderito alla coalizione:

La scadenza elettorale fissata per il mese di settembre vedrà la città di Pompei ritornare alle urne. Obiettivo prioritario: la definizione della compagine politico-amministrativa e l’individuazione del candidato sindaco che guiderà da palazzo De Fusco la vita della città.

Ed è per questa ragione che il 22 giugno alle ore 19 si sono riuniti i referenti politici del centrosinistra per definire le linee programmatiche della campagna elettorale con l’individuazione di Carmine Lo Sapio quale candidato alla carica di sindaco.

“Le ragioni che hanno spinto l’intera coalizione a scegliere Carmine Lo Sapio – si legge nel documento -, vanno soprattutto ricercate per le sue peculiari doti di affidabilità, di intelligenza, di preparazione politica amministrativa che lo rende capace di guidare una amministrazione che vuole dare dignità e forza alla nostra città.

Pompei ha bisogno di ritrovare se stessa, le sue radici, la sua storia per recuperare al meglio tutte le potenzialità imprenditoriali, manageriali, professionali di cui sono capaci i suoi cittadini. Soprattutto in questo delicato momento del post pandemia Covid 19”.

“Il cartello di centrosinistra ha lavorato tanto e bene, ed ha prodotto liste in cui ogni candidato può democraticamente esprimersi avendo scelto un candidato sindaco capace,  competente e pronto a fare uscire definitivamente la città  dal pantano del sottobosco politico amministrativo, di riguadagnarla ai valori e alle tradizioni della sua prestigiosa storia e di guidarla a nuove mete e a nuovi traguardi.

Per tali motivi la coalizione avrà cura di rinnovare i modi e le procedure sinora messe in atto nell’agire amministrativo, pur riconoscendo quando di buono è stato fatto, privilegiando tutte le azioni a sostegno degli operatori commerciali attraverso il rilancio di eventi che ridiano lustro internazionale alla nostra città.

Nell’ambito dell’attività amministrativa saranno favorite tutte le politiche di inclusione sociale per potenziare quanto più è possibile gli organismi comunali e garantire la partecipazione diretta all’amministrazione della cosa pubblica”.

Documento firmato dal Partito Democratico rappresentato da Carmine Lo Sapio, Francesco Gallo e Bartolo Martire, unitamente alle liste: Patto per Pompei rappresentato da Giuseppe Matrone; Campania Libera rappresentata da Ciro Cascone; Amici per Pompei rappresentato da Maurizio Longobardi e Giuseppe Brugno; Centro Democratico rappresentato da Giuseppe Del Regno;

Alba Pompeiana rappresentata da Nando Uliano e Aniello Di Maio; Rinascita Pompei rappresentata da Carlo Manfredi, Vincenzo Vitiello e Aniello Di Maio

Gruppo politico rappresentato da Giuseppe La Marca, Raffaella Di Martino; Gruppo politico rappresentato da Stefano Di Martino e Salvatore Perillo; Gruppo politico rappresentato da Nino Coccoli, Aldo Avitabile, Attilio Malafronte e Alfonso Carotenuto; Gruppo politico rappresentato da Marino Machetti, Alfredo Coppola e Pietro Orsineri; Gruppo politico rappresentato da Giosuè Sorrentino e Angelo Calabrese.

Gruppi che aderiscono alla coalizione che sosterrà quale candidato sindaco al Comune di Pompei Carmine Lo Sapio.