Omicidio Cerrato a Torre Annunziata, arrestato anche il quarto esponente della banda

E’ stato assicurato alla Giustizia anche il quarto componente della banda che il 19 aprile scorso ha teso l’agguato mortale a Maurizio Cerrato, l’uomo ucciso a Torre Annunziata in seguito a una lite per il parcheggio.

Si tratta di Francesco Cirillo. Nel contempo, è stato individuato l’esecutore materiale del delitto che – secondo le indagini – risulta essere il figlio dello stesso, Antonio.

«Padre e figlio che – come afferma la moglie della vittima Tania Sorrentino – hanno causato la morte di un padre che stava difendendo la figlia».

«Accogliamo con enorme soddisfazione la notizia dell’arresto di uno dei presunti assassini di Maurizio Cerrato, nostro concittadino barbaramente ucciso lo scorso 19 aprile in un’autorimessa di via IV Novembre – afferma il sindaco Vincenzo Ascione -. L’Amministrazione Comunale si congratula con la Procura della Repubblica e con i carabinieri della Compagnia oplontina che in questi mesi hanno indagato ed operato senza sosta con il solo scopo di assicurare alla giustizia i responsabili di questo efferato delitto.

Siamo vicini ai familiari di Maurizio Cerrato – conclude il primo cittadino – e condividiamo il loro dolore causato dall’assurda perdita del proprio caro. Una ferita che il tempo non potrà mai rimarginare».

L’assessore alla legalità, Luisa Refuto, mette in risalto il lavoro incessante dell’Arma dei carabinieri che ha assicurato alla giustizia i responsabili dell’omicidio di Cerrato.
«Arresti come questo – per l’avvocato Refuto – danno la speranza ai cittadini perbene ed onesti, che il riscatto del territorio passi prima di tutto dal ripristino della legalità».

Massimo Napolitano