Napoli, via libera del Ministero dell’Interno alle assunzioni dei 51 vigili urbani idonei

Il ministero degli Interni ha dato il via libera all’assunzione di 51 nuovi agenti della Polizia Municipale al Comune di Napoli.
L’assunzione era stata decisa lo scorso 28 febbraio 2020, con apposita delibera ma il processo si era fermato perché era necessario il parere favorevole della Commissione Interministeriale per gli Enti in predissesto che avrebbe dovuto riunirsi in Roma.
“Questa assunzione di forze fresche di vigili urbani è molto preziosa in questo momento, le forze dell’ordine, come tra l’altro già stanno facendo, devono dare il loro contributo in questa emergenza sanitaria e per aiutarle c’era bisogno di mettere a disposizione più uomini.

Siamo molto soddisfatti che il Viminale abbia dato l’ok a questa manovra, nella situazione in cui ci troviamo non ci si poteva far rallentare dalla macchina burocratica e così hanno agito in fretta per il bene del territorio. Mi complimento con l’assessore Clemente, con il sindaco De Magistris e con il comandante della Polizia Municipale Esposito per aver lavorato a questa rapida soluzione”, sono state le parole del Consigliere Regionale dei Vedi Francesco Emilio Borrelli.

“Ci appelliamo al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese”, era stato il grido del Comitato dei 51 aspiranti vigili urbani, “affinché intervenga per far riunire in video-conferenza la Commissione così da poter garantire rinforzi agli agenti impegnati in situazioni complesse a tutela della salute di tutti i cittadini”.
Appello al quale ha risposto il Ministero dell’Interno che, a distanza di circa un mese dalla riunione della Commissione Interministeriale, ha dato il via libera all’assunzione dei 51 agenti nella Polizia Municipale di Napoli.