Meloni incontra il Segretario Generale Nato: «Pieno sostegno a Ucraina»

«L’Italia sostiene con forza di fronte alla nostra principale sfida di questo momento, l’integrità territoriale, la sovranità, la libertà dell’Ucraina, la coesione politica dell’alleanza da questo punto di vista è il nostro impegno fermo a sostegno della causa Ucraina, credo sia la risposta migliore che gli alleati della Nato possano dare in termini di determinazione a rimanere uniti, a difendere la sicurezza euro-atlantica. Credo che l’Italia abbia dimostrato la propria volontà di avere una posizione molto chiara sotto questo profilo».

Così il Presidente del Consiglio dei Ministri Giorgia Meloni a margine dell’incontro con il Segretario Generale della Nato, Jens Stoltenberg.

«Ovviamente – ha aggiunto – , per la sicurezza è fondamentale il partenariato strategico tra la Nato e l’Unione Europea e, sulla base di un’azione congiunta, abbiamo ragionato di come approfondire ed espandere la cooperazione tra le due organizzazioni, anche sul piano del tema della difesa, così come considero prioritario rafforzare l’alleanza con un forte pilastro che deve essere anche europeo, con l’obiettivo di renderla ancora più forte, ancora più capace di rispondere alle minacce che arrivano da ogni direzione».

Poi ancora: «E’ importante un approccio a trecentosessanta gradi, che tenga conto anche delle sfide che vengono dal fianco meridionale, abbiamo parlato di Mediterraneo, di Sud, la Nato resta un’alleanza regionale ma l’approccio che dobbiamo avere deve essere globale. Quindi è fondamentale avere anche quel primato tecnologico che da secoli consente all’Occidente di vivere in sicurezza e di essere protagonista».

«L’Italia è uno dei paesi fondatori della nostra Alleanza. Voi svolgete un ruolo fondamentale nell’Alleanza Nato», ha dichiarato dal canto suo Stoltenberg. A Meloni ha rivolto quindi «tantissime congratulazioni» per la sua nomina. «Spero – ha affermato – di poter lavorare presto a stretto contatto ed è importante che si lavori tutti quanti insieme, soprattutto in questo momento critico per la nostra sicurezza. E soprattutto grazie per il forte impegno dei confronti della Nato».