Coronavirus, meno contagi: sono 2.578. Calano le vittime, ma anche i tamponi effettuati

Sono in lieve calo rispetto a sabato i casi di contagio per Covid-19 in Italia. In 24 ore sono stati registrati 2.578 nuovi casi (sabato erano stati 2.844). Ma è minore anche il numero di tamponi effettuati: 92.714, circa 26.000 in meno rispetto al giorno prima. Il totale dei contagiati dall’inizio dell’emergenza sale a 325.329.

In calo il numero delle vittime: 18 in un giorno, per un totale di 35.986 (ieri erano state 27). Il maggior numero di nuovi casi, che si rileva in tutte le regioni, si registra ancora in Campania (+412), seguita da Lombardia (+314) e Veneto (+261).

“L’obbligo di indossare la mascherina all’aperto in tutta Italia è una delle ipotesi che stiamo valutando. Ci sarà un passaggio parlamentare martedì e il governo farà le sue scelte solo dopo il passaggio parlamentare”. Questo è quanto ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, nella trasmissione “Mezz’ora in più” di Lucia Annunziata, su Rai 3. “Anche se non abbiamo i numeri di casi degli altri Paesi europei” — ha rilevato il ministro — ora siamo in una fase di crescita significativa del contagio. Per questo vanno conservate e rafforzate le tre regole fondamentali e una di queste sicuramente riguarda le mascherine, il cui uso è fondamentale, veramente decisivo”.

“Vogliamo tenere le scuole aperte — ha poi concluso il ministro — Finora nelle scuole si sono registrati un migliaio di casi, ma è del tutto evidente che ce ne saranno molti altri nelle prossime settimane. Proveremo a essere il più veloci possibile nell’intervenire. Stiamo investendo risorse come non è mai avvenuto nella storia recente, nè soprattutto sulla sanità. Abbiamo messo più soldi in cinque mesi che negli ultimi cinque anni e tanti altri ne dobbiamo ancora investire”.

Fonte Ansa.it