Boscoreale al voto, Faraone: “Consultorio? Gli avversari parlano a vanvera senza conoscere i progetti” – IL VIDEO

“Questa è una campagna elettorale un po’ strana. Doveva prendere un verso, ne sta prendendo un altro. I nostri competitor stanno dicendo tutto il contrario di tutto. Parlano di progetti senza nemmeno conoscere i veri progetti messi in campo. Sento parlare, negli ultimi giorni, del Consultorio. Il Consultorio, purtroppo, è stato chiuso più di un anno fa. Dicono che vogliono riaprirlo, nel momento in cui è stato chiuso, chi faceva opposizione dove stava? Certo non li ho visti incatenati al municipio o al consultorio a contestare la chiusura”.

Così Francesco Faraone, candidato sindaco del centrodestra a Boscoreale, intervenuto nel corso dell’inaugurazione della sede di Boscoreale 2.0 a piazza Pace.

“Noi qualche atto lo abbiamo prodotto ed è visibile – aggiunge Faraone -. Parlo sempre con dati di fatto e mai a vanvera come stanno facendo loro. L’atto per non far chiudere il Consultorio lo abbiamo prodotto e l’Asl ci ha detto che andava chiuso per rientrare nella spesa. Ci siamo opposti e c’è la documentazione relativa. I nostri competitor, invece, dicono che lo vogliono riaprire. Ma in realtà non mi sembra che abbiano così sofferto quando è stato chiuso”.

Faraone parla poi della Casa-Famiglia alla scuola “Dati”: “Una baggianata. C’è un progetto chiamato ‘Federal Building’. Stanno cambiando i nomi perché non conoscono i progetti in atto. C’è un progetto rivoluzionario che sta andando avanti, che prevede un parcheggio con 100 posti auto nei sotterranei. Al piano elevato, un presidio ospedaliero h24. Un progetto dell’Asl che ingloberà tutti i servizi sanitari (compreso il consultorio). Quindi, mi devono far capire una cosa, vogliamo riaprire il consultorio o vogliamo fare la Casa-Famiglia. Insomma, stanno viaggiando in una confusione totale”.

“Noi, invece – spiega il leader del centrodestra -, dobbiamo portare avanti le nostre ideologie, il nostro programma. In molti ci chiedono qual è il nostro programma? Paradossalmente, il nostro programma sta già andando avanti. Già ci sono parecchi lavori programmati. Già ci sono le basi. Noi dobbiamo continuare a fare semplicemente quello che sappiamo fare meglio: lavorare per i cittadini di Boscoreale. Quindi, nel momento in cui vi ritroverete a votare il 14 e il 15 maggio, credo che la scelta sia facile. Perché siamo tutti giovani, non siamo i vecchi marpioni della politica, non siamo servi di nessuno, non siamo ostaggio di nessuno”.