Basket Serie C Silver, Portici-Parete finisce in rissa. Accuse a vicenda tra le società

L’incontro tra Sporting Portici e Basket Parete che si è disputato ieri sera presso il Palazzetto dello sport di Boscoreale è stato scenario di una bruttissima pagina sportiva (che avrebbe potuto avere un epilogo ben più grave). E’ quanto si legge anche in un comunicato stampa diramato dalla stessa società porticese.

“Tutto ha inizio – seconda la ricostruzione dei fatti dello Sporting Portici – quando, con lo Sporting in vantaggio di oltre 20 punti a fine terzo quarto; un atleta del Basket Parete, in seguito a degli alterchi tra persone del pubblico, si scaglia all’improvviso ed inspiegabilmente verso gli spalti, scavalcando le transenne e generando il caos, che vede inevitabilmente coinvolti i giocatori in quel momento in campo, i quali inizialmente cercano di allontanarlo”.

Successivamente – sempre secondo la versione dello Sporting Portici – “un altro atleta del Basket Parete si avventa contro chiunque gli si presenti a tiro in maniera incontrollata, dando sfogo ad una ferocia inaudita stendendo l’ atleta 18enne dello Sporting Minieri Vincenzo, per poi colpirlo violentemente e ripetutamente sul capo con calci e pugni con quest’ultimo ormai inerme sul parquet di gioco. Nemmeno la vista del ragazzo porticese esamine a terra riesce a placare l’ira del paretano, e mentre dirigenti ed atleti cercano di portare al sicuro il giovane Minieri, sempre il protagonista della rissa in preda alla foga viene finalmente allontanato e accompagnato dai compagni di squadra verso gli spogliatoi, colpendo violentemente la porta degli stessi, causandone la rottura e procurandosi egli stesso una ferita alla mano”.

Con il principale protagonista allontanato finalmente dal campo, nonostante i suoi continui tentativi di rientrarvi, gli animi si calmano in attesa dell’arrivo di carabinieri e 118, che ha poi trasportato l’atleta porticese nel più vicino ospedale dove gli è stato diagnosticato un “Trauma contusivo cranico con ematoma emifrontale sx da aggressione” con una prognosi di 15 giorni.

“Lo Sporting Portici si dichiara parte lesa e vittima della violenza ingiustificata di alcuni tesserati del Basket Parete che saranno sicuramente stati riconosciuti e segnalati nel referto arbitrale. Lo Sporting Portici inoltre rifiuta qualsiasi versione che tende a giustificare un atto di violenza inaudita e dissente dalle accuse infamanti rilasciate dalla dirigenza del Basket Parete.
Non c’è stata alcuna disputa così gravosa sugli spalti (50 persone se si contano anche mamme e bambini) da giustificare l’atteggiamento antisportivo di alcuni atleti paretani che inferociti si sono scagliati contro il pubblico e poi contro i giocatori porticesi. A differenza la nostra panchina è rimasta, nella sua totalità e come da regolamento, seduta per lunghi istanti così da non alimentare ulteriormente l’aggressione in atto”.

La replica della società Basket Parete arriva puntuale: “La società Basket Parete avrebbe voluto portare a casa la quinta vittoria consecutiva contro il Portici, ma non è così. Infatti la partita ha avuto un risvolto alquanto negativo da un punto di vista sportivo, e rispetto a ciò la dirigenza Paretana ha immediatamente sentito l’esigenza di scusarsi. Episodi del genere non rientrano nel nostro modo di vedere lo sport, come in più occasioni abbiamo detto e mostrato, tuttavia è accaduto.

Non è stata una bella serata e non è nostra intenzione discolparci, ma prenderci le nostre responsabilità rispetto a quanto di nostro, e solo quello,  è stato fatto in campo, perché non siamo stati all’altezza di reggere le provocazioni. Di questo ci scusiamo con tutto il mondo sportivo e in primis cestistico, assumendoci le nostre eventuali responsabilità e solo quelle, dato che in campo abbiamo dovuto purtroppo difenderci a un certo punto non solo dai canestri”, ha commentato lo staff paretano.

“Inoltre, ci dispiace anche per il giocatore della squadra di Portici che si è dovuto recare in ospedale per degli accertamenti e gli auguriamo una pronta guarigione. La stessa che auguriamo ad altri giocatori infortunati della nostra squadra. Per il resto, lo staff non ha lasciato ulteriori dichiarazioni sull’accaduto, in quanto per la dinamica degli episodi accaduti aspettiamo di poterlo fare nelle opportune sedi e siamo fiduciosi che sia fatto presto e nel migliore dei modi. Ora a noi premeva solo scusarci da un punto di vista sportivo: si può anche perdere, ma non deve mai perdere lo sport”, ha concluso lo staff Paretano.