Basket, dai trionfi europei ai fallimenti e alle penalità: la doppia faccia del basket italiano

In questa settimana il basket italiano è stato al centro delle attenzioni facendo parlare di se sia per i trionfi europei sia per i fallimenti e le penalità. È iniziato tutto lunedì 29 con la notizia dell’esclusione dell’Auxilium Torino dalla LBA e come se non bastasse è notizia delle ultime ore che molto probabilmente verranno rifilati 6 punti di penalizzazione alla squadra piemontese che si ritroverebbe così in fondo alla classifica e quindi in A2.

Mercoledì 1º Maggio il basket italiano torna a comparire sui giornali, però questa volta si leggono solo buone notizie grazie alla vittoria nella FIBA Europe Cup della Dinamo Sassari che dopo la vittoria di 5 punti in casa contro Würzburg, in fiducia dalla striscia positiva di 13 vittorie tra campionato e coppa, rimangono attaccati al match per poi strappare nel terzo quarto. Wurzburg ha un sussulto e rimane li, ma non riesce più a mettere la testa davanti: la Dinamo vince anche il ritorno per 91 a 89 e conquista così il primo titolo europeo della sua storia grazie a uno straordinario coach Pozzecco.

Due giorni più tardi, il 3 maggio la Viola Reggio Calabria, la squadra che per prima ha accolto Manu Ginobili in Italia nel 1998, è stata esclusa dal campionato di serie B. Il motivo dell’esclusione è il mancato pagamento della sesta rata nazionale entro il termine del 16 aprile.

La Viola ha perso quindi a tavolino i due quarti di finale playoff che aveva vinto sul campo contro Pescara ed è stata condannata all’esclusione dal campionato e alla perdita del titolo sportivo. L’unica possibilità di salvarsi è quella di dimostrare che il pagamento è stato effettuato.

La settimana altalenante del basket italiano si chiude con la vittoria in Champions League della Segafredo Bologna che è stata in vantaggio dal primo minuto fino alla sirena finale contro Tenerife grazie a una prova di squadra ai limiti della perfezione. Nel 2016 Bologna retrocedeva in A2 e ora si trova ad alzare un trofeo europeo.

La speranza è quella di sentir parlare del nostro basket solo per vittorie importanti come quelle di Sassari e Bologna perché l’Italia ha bisogno della pallacanestro e questa doppia faccia che è emersa in questa settimana deve scomparire lasciando spazio solamente alla parte positiva.

Francesco Pio Scaramozza

La Dinamo Sassari alza al cielo la FIBA Europe Cup 2019