Associazione e armi: condanna bis per i promotori dell’organizzazione vesuviana

Associazione, traffico di sostanze stupefacenti e di armi: condanne miti in secondo grado per i promotori dell’organizzazione malavitosa con base logistica a Terzigno. Nel pomeriggio, il verdetto dei Giudici della 5 Sezione penale della Corte di Appello di Napoli.

Sette anni di reclusione per Domenico Boccia, ritenuto capo promotore dell’organizzazione a delinquere (difeso dall’avvocato Angelo Bianco), e Vincenzo Sdino (difeso dal legale Enrico Ranieri). Pena di 7 anni e 4 mesi per Mario Amelio Carillo (assistito dai legali Michele Avino ed Enrico Ranieri); 7 anni per Umberto Di Meglio; 6 anni e 4 mesi per Arcociro e Salvatore Guadagni; 5 anni per Pasquale Giordano; 4 anni e 4 mesi inflitti a Raimondo Licenziato (difeso da Maddalena Nappo); 3 anni e 6 mesi per Alfredo Oliva e Antonio Tufano; 2 anni e 8 mesi per Gaudino; 2 anni e  mesi per Domenico Scaramella.

Assolti, invece, La Rosa e Rosario Tufano.

Per tutti il Riesame aveva già escluso l’agevolazione mafiosa ed esclusa anche l’aggravante della transnazionalità.

Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia e svolte dai Carabinieri di Torre Annunziata dal febbraio del 2017, hanno permesso di individuare ed identificare nel corso del tempo i responsabili di un’associazione dedita al traffico di armi – tra cui  Kalashnikov e mitragliatrici Skorpion – coordinata da Boccia Domenico, originario di Terzigno, con la collaborazione di Mario Amelio Carillo, corriere di fiducia, Vincenzo Sdino, custode delle armi e delle munizioni.

Le attività d’indagine, sviluppate in collaborazione con l’Autorità Giudiziaria e le forze di polizia austriache, hanno consentito di identificare i fornitori esteri, Eduard Lassnig Senior ed Eduard Lassnig Junior, residenti in Völkermarkt (Austria), e di documentare i movimenti sul territorio austriaco dei campani.

Nel corso delle indagini sono stati identificati i numerosi acquirenti delle armi, tra i quali anche appartenenti alla criminalità organizzata campana.