Allarme Covid, scuole chiuse: il punto di vista del D.S. Prof. Gianpiero Cerone – La video-intervista

I casi di Covid aumentano velocemente in Italia e l’ordinanza n.79 del 15 ottobre del Presidente della Giunta Regionale della Campania ha disposto la sospensione delle attività didattiche in tutte le scuole fino al 30 ottobre creando una forte polarizzazione dell’opinione pubblica.

E’ importante sottolineare che il personale della scuola è stato chiamato ad un lavoro gigantesco nel corso dell’estate 2020 per garantire sicurezza, per fare in modo che la scuola non solo riprendesse a svolgere la sua funzione istituzionale e ad erogare il servizio di istruzione ma fosse anche uno dei luoghi più sicuri della società.

I numeri di casi Covid positivi aggiornati ci portano a riflettere: la scuola in Italia conta 8.500.000 studenti e 1.100.000 dipendenti, ad oggi, i casi positivi sono lo 0,073% del totale di studenti e personale, invece la Campania conta 960.000 studenti e 110.000 dipendenti e ha circa lo 0,063% di casi positivi del totale di studenti e personale; percentuale inferiore alla media nazionale. Ricordiamo che le operazioni di diagnosi sierologica e molecolare ha la scuola Campana come sorvegliato speciale, in quanto il personale, a differenza che in altre regioni, è obbligato a svolgere i test.

L’appello di Gianpiero Cerone, D.S. dell’I.I.S. “Teresa Confalonieri” di Campagna (SA), in spirito di leale collaborazione, di ripristinare in Campania rapidamente il servizio dell’istruzione in presenza per tutti.

La Campania deve uniformarsi ai documenti che hanno accompagnato la riapertura delle scuole.