Sorpreso a rubare energia elettrica: arrestato noto imprenditore di San Giuseppe Vesuviano

Sorpreso a rubare energia elettrica: arrestato noto imprenditore di San Giuseppe Vesuviano.

Incide ancora l’azione di controllo del territorio condotta dai carabinieri della stazione di San Giuseppe Vesuviano, agli ordini del maresciallo Giuseppe Sannino e coordinata dal maggiore Simone Rinaldi, comandante della Compagnia Carabinieri di Torre Annunziata.

Un nuovo arresto per un ingente furto di energia elettrica è stato eseguito nella via Martiri di Nassirya. Il responsabile, un imprenditore nell’ambito delle lavorazioni in acciaio e ferro che esercisce la propria attività nella predetta strada, ove appunto è gestore è titolare di un’azienda che si estende su circa 600 metri quadri.

G.A., quarantenne, è stato arrestato per aver sottratto, di fatto “rubato” flussi di energia elettrica che alimentavano la sua impresa metallurgica quantificati in circa 14.000,00 euro. Nessun contratto di fornitura stipulato con la società Enel spa.

L’escamotage? Quella di sempre: misuratori forzati, scassinati, quindi aperti e truccati, bypassati per sottrarre furtivamente energia elettrica che alimentavano i non pochi macchinari presenti “in loco”-G.A. è stato dichiarato in stato di arresto, sottoposto agli arresti domiciliari e condotto poi, il giorno seguente davanti al Tribunale di Nola per essere giudicato con rito direttissimo: convalida delle operazioni d’arresto e condanna con pena sospesa. Questo è il terzo obiettivo scoperto e perseguito duramente in una esiguo arco temporale.