Société Générale ingaggia Tezos: quale futuro per la criptovaluta?

La Société Générale-Forge, una start-up tecnologica della banca d’investimento francese Société Générale, ha selezionato la blockchain Tezos per il suo esperimento su una moneta digitale della Banca Centrale (CBDC). La società è stata incaricata dalla banca centrale francese, la Banque de France, di sviluppare un “euro digitale”.

In precedenza la banca centrale francese aveva lanciato un programma per testare l’implementazione di una CDBC per il traffico di regolamento interbancario. La Société Générale Forge era una delle otto società invitate dalla banca centrale. Nell’annuncio dell’epoca, la banca centrale francese aveva anche indicato che nei prossimi mesi avrebbe lavorato a stretto contatto con gli otto candidati per far avanzare gli esperimenti.

Tezos selezionata per l’esperimento dell’euro digitale

L’esperimento della Société Générale-Forge mira a “studiare la fattibilità dell’elaborazione digitale e della consegna di titoli finanziari utilizzando la moneta digitale della banca centrale”, con un pool di fornitori di tecnologia e consulenti per assistere lo sviluppo. Nomadic Labs, che è una delle maggiori società di sviluppo dell’ecosistema Tezos ed è fortemente coinvolta nello sviluppo del protocollo Tezos, è una di queste società.

Che questa grande novità spinga sempre più investitori a comprare Tezos? Secondo l’annuncio, la Société Générale-Forge ha scelto Tezos per diverse ragioni: la sua governance a catena, il modello di sicurezza, di partecipazione e verifica di contratti intelligenti, sono tutti aspetti risultati convincenti. Nomadic Labs ha commentato così la sua nomina al progetto dell’euro digitale:

La presenza di Nomadic Labs e della tecnologia Tezos in questa selezione evidenzia la qualità dei team di ricerca e sviluppo di Nomadic Labs e i forti fondamenti tecnici della blockchain Tezos. Con sede a Parigi, Nomadic Labs vanta diversi anni di esperienza nello sviluppo della blockchain Tezos, oltre a promuoverne l’adozione.

Michel Mauny, Presidente di Nomadic Labs, ha inoltre aggiunto:

Il progetto Tezos, rafforzato dalle sue capacità tecniche, dalla sua adattabilità e dalla sua forte comunità, è già presente in diversi progetti, sia in Francia che all’estero. Siamo particolarmente lieti di vedere questa tecnologia selezionata dalla Societe Generale-Forge e di riaffermare, ancora una volta, che la qualità e la competenza della nostra ingegneria è premiata.

Tezos + Francia = euro digitale?

È degno di nota il fatto che non è la prima volta che Tezos viene discusso negli ambienti governativi in Francia. Ad esempio, Thierry Bedoin, il CDO della Banca di Francia, ha condiviso un tweet nel marzo 2019 in cui ha accennato al fatto che la banca centrale francese ha creato un nodo privato completo di Tezos.

Inoltre, la polizia francese, in particolare la Cybercrime Division (C3N), aveva annunciato nel novembre 2019 di utilizzare la blockchain di Tezos per registrare le spese legali sostenute nell’indagine. L’utilizzo di Tezos da parte dell’istituzione governativa francese è stato uno dei primi casi in cui un governo europeo ha utilizzato una catena di blocco pubblica.

Resta comunque da vedere se e quale ruolo Tezos avrà nello sviluppo di un euro digitale. Infatti, secondo il governatore della banca centrale francese, François Villeroy de Galha, la Francia vuole giocare un ruolo di primo piano nello sviluppo. Oltre alla Francia, anche altri paesi europei come l’Italia, la Lituania, che utilizza una catena di blocco mista pubblico-privato (NEM), i Paesi Bassi e la Banca centrale europea stanno attualmente lavorando alla creazione di una CDBC per l’Europa.