Serie A, il Milan è implacabile, Sassuolo battuto 2-1: Ibrahimovic trascina i rossoneri alla vittoria

Il modo in cui il Milan aveva iniziato la stagione 2019/2020 era stato quasi disastroso. Ma ora i rossoneri intravedono la luce in fondo a un tunnel durato mesi. Questa luce si chiama Europa e, dopo la vittoria di ieri sera contro il Sassuolo a Reggio Emilia, le porte delle competizioni UEFA sono tutt’altro che chiuse.

Mister Stefano Pioli si conferma come traghettatore di successo della squadra, a tal punto da conquistare la fiducia della società, che ha deciso di rinnovare il contratto al tecnico ex Inter e Lazio. La trattativa per il nuovo coach, il tedesco Ralf Rangnick, si è bruscamente interrotta favorendo così Pioli. Il Milan ritrova anche Ibrahimovic, grande trascinatore del team rossonero, che porta alla vittoria il Diavolo con una doppietta.

La prima rete dello svedese giunge al 19°: Ibra anticipa Muldur e sfrutta benissimo un cross di Calhanoglu, segnando di testa. Il Sassuolo la riapre al 42°, grazie a un calcio di rigore nato da un fallo di mano di Calhanoglu in seguito alla punizione battuta da Rogerio. Caputo trasforma il penalty, spiazzando Donnarumma e arrivando a quota 19 gol in questa stagione.

Il Milan non si arrende. La squadra di Pioli ritrova il vantaggio nel recupero: ancora un assist di Calhanoglu regala la seconda rete a Ibrahimovic, che salta Consigli. Per il campione svedese il gol a porta vuota è un gioco da ragazzi. A complicare la situazione al Sassuolo è l’espulsione di Bourabia al 45°. Nella ripresa il Milan conferma il suo dominio, e sfiora il 3-1 con Ibrahimovic, a un passo dalla prima tripletta stagionale, con Bonaventura e Bennacer. Ma alla fine a Reggio Emilia il risultato resta fisso sull’1-2.

Tre punti fondamentali dunque per il Milan, che accresce le sue possibilità di accedere all’Europa League. Si fa dura invece per il Sassuolo. Il ritorno nelle competizioni del vecchio continente diventa difficile per i neroverdi, che sono a -10 dalla Roma, attualmente al sesto posto, che vale l’accesso ai preliminari di Europa League. Per De Zerbi e i suoi, il sogno sta iniziando pian piano a svanire.