Ragazza di 16 anni trovata morta nel Bolognese, si indaga per omicidio

Chiara Gualzetti, 16 anni fra poche settimane, scomparsa domenica da casa, è stata trovata morta ai bordi di un bosco in zona Monteveglio, territorio di Valsamoggia, nel Bolognese. Le indagini sono per omicidio.

Secondo quanto si apprende, la ragazza avrebbe ferite d’arma da taglio e forse altre lesioni. Gli investigatori stanno facendo accertamenti su un incontro con un amico. La scomparsa dalla sua casa di Monteveglio di Valsamoggia è stata denunciata dai familiari nel pomeriggio di domenica e si sta ricostruendo se la sedicenne avesse un appuntamento con un altro giovane. Il corpo di Chiara è stato trovato da uno dei volontari impegnati nelle ricerche che erano state coordinate dalla prefettura di Bologna.

Sono impegnate sia la Procura ordinaria che quella per i minorenni, che coordinano i carabinieri: non è infatti escluso che il possibile autore del delitto abbia meno di 18 anni. Si stanno ricostruendo le ultime ore della ragazza e i suoi contatti.

I genitori di Chiara avevano segnalato la sparizione e dopo alcune battute di ricerca anche il sindaco di Valsamoggia, Daniele Ruscigno, aveva lanciato un appello sui social per ritrovarla.

Il cadavere è stato trovato a meno di un chilometro da casa, nel territorio del parco regionale dell’Abbazia di Monteveglio, in un campo ai margini di un bosco. La famiglia, chiusa nel dolore, vive in un’abitazione nel paese di Monteveglio, poco più in basso, ai piedi della collina che termina in cima con l’abbazia e un piccolo borgo medievale. Una zona con sentieri e molto frequentata, in particolare nei week-end. Domenica, infatti, pare che molte persone fossero nella zona. Non è ancora chiaro da quanto tempo il corpo fosse nel luogo in cui è stato poi ritrovato.

Fonte Ansa.it