Pompei, i vigili tornano in strada per la Supplica. I sindacati: “Sì alla turnazione ma mancano i fondi”

Accordo Comune-Sindacati per la turnazione degli agenti della polizia municipale di Pompei ma mancano i fondi per garantire il servizio per tutto l’anno. Da domani i vigili urbani tornano in strada anche il pomeriggio e nei giorni festivi. Importante passo avanti per la sicurezza della città.

Stamattina è stato ritrovato l’accordo per riattivare la turnazione del personale di Polizia Municipale. Già nei prossimi giorni i vigili tornano in servizio anche di pomeriggio, ma soprattutto nei giorni festivi.

In realtà, i vigili urbani non sono mai stati contro la turnazione. Anzi, è stata la stessa amministrazione che ha bloccato precedentemente la turnazione per mancanza di fondi.

Si tratta di un importante passo avanti nella complessa querelle del Fondo di Produttività (che non è stato firmato dai sindacati), che assicura presenza e controllo sulla città già in occasione della Supplica di domenica, che vedrà arrivare a Pompei decine di migliaia di fedeli.

“E’ una delle nostre risposte all’allarme sicurezza – dichiara il sindaco Pietro Amitrano – ed è solo l’inizio. La presenza dei vigili urbani assicura sicurezza sul territorio e anche una importante controllo per una serie di abusi edilizi che proprio nei week end stavano crescendo in maniera preoccupante”.

Per non parlare “dell’aumento esponenziale delle occupazioni di suolo pubblico e della sosta selvaggia. I vigili, seppur con un organico ridotto, faranno la loro parte, al fianco e in collaborazione con le altre forze dell’ordine, Carabinieri, Polizia, che hanno sempre dato il massimo in questa città. Sono veramente soddisfatto e ringrazio per il buon senso di tutte le parti che si sono confrontate stamani. Pompei è in una fase delicata, il fenomeno delle baby gang è solo la punta di un iceberg. Dovevamo reagire e l’abbiamo fatto”.

“Abbiamo ribadito che non possiamo firmare la proposta di ripartizione fondo avanzata dall’amministrazione perché comporterebbe ulteriori perdite economiche ai lavoratori, ma soprattutto taglio dei servizi da rendere ai cittadini”.

E’ quanto sottolineano i sindacalisti Vincenzo Pagano (Cisl), Mario Russo (Uil), Antonio Fascia (Cgil) a margine dell’incontro di stamattina.

“Noi siamo il sindacato dei lavoratori, ma anche quello dei cittadini e non possiamo essere corresponsabili di un fallimento. L’amministrazione ha accettato la nostra richiesta di aprire un tavolo tecnico per il rinnovo del contratto decentrato e per la rivisitazione dei fondi da stanziare.

Noi firmeremo l’accordo appena l’amministrazione troverà i fondi e gli strumenti per evitare i tagli”.

Riguardo la polizia municipale, sottolineano i rappresentanti dei lavoratori, “abbiamo ribadito la nostra posizione che è quella di tenere aperto il comando in turnazione. Per motivi tecnici e visti i tempi, il comandante non potrà subito ristabilire i turni prima di lunedì prossimo, ma il servizio per la Supplica sarà regolarmente garantito.

Noi non abbiamo mai nemmeno pensato di bloccare il servizio della polizia municipale in occasione della Supplica. Le rivendicazioni sindacali continueremo a farle in altre occasioni se ce ne fosse ancora bisogno”.