Pimonte, apertura scuole rinviata. Il sindaco Palummo: “L’aumento dei contagi non ce lo consente”

“Da professore capisco profondamente l’importanza della scuola soprattutto in un momento difficile come questo. La scuola è parte insostituibile per la crescita dei nostri ragazzi. Il contatto umano, la socialità, i rapporti tra insegnati e alunni, le amicizie, sono cose che la DAD non potrà sostituire e per tanto mi dolgo della mancata riapertura. Ma da sindaco non avrei potuto agire diversamente”.

Lo dice in una nota il sindaco di Pimonte, Michele Palummo, che poi aggiunge: “I contagi nel nostro territorio stanno aumentando e sarebbe stato da irresponsabili adottare decisioni differenti. Lasciatemi ringraziare tutte le mamme di Pimonte, perno insostituibile delle nostre famiglie e della nostra comunità, per aver partecipato con attenzione e scrupolosità alla riunione che ha portato alla decisione di rinviare, a data da destinarsi, l’apertura delle scuole.

I miei ringraziamenti vanno anche alla preside, a tutto il personale scolastico, ai professori, che si stanno impegnando nella didattica a distanza, e alla Polizia Municipale, che sta svolgendo un lavoro immenso in questa fase di pandemia”.

Poi ancora: “L’Amministrazione sta facendo tutto quanto è nelle proprie possibilità per contrastare la diffusione del virus, nonostante i pochissimi mezzi e uomini a disposizione. Il nostro Comune, come tanti, è stato lasciato solo a lottare contro il Covid, ma questo non deve scoraggiarci.

Fin qui abbiamo dimostrato di poter affrontare questa difficile situazione e continueremo a farlo, con l’essenziale aiuto di tutta la comunità, senza l’impegno dei pimontesi tutti i nostri sforzi sarebbero stati vani”.