Nicola, figlio di Francesco stimato professionista nel campo della sanità e di Elisa Caporale, ha realizzato un sogno, quello di indossare la mitica feluca. Ha studiato sodo, ha ottenuto risultati brillanti grazie alla tenacia che lo ha distinto. E a soli 32 anni è stato nominato console italiano nella penisola coreana, delicato scacchiere internazionale. Papà Francesco è emozionato e soddisfatto per il figlio che giovanissimo andrà a ricoprire un incarico internazionale prestigioso.

Zungoli tifa per Nicola Del Medico, e presto, fa sapere la consigliera Anita Grande, sarà accolto e festeggiato dall’intera comunità con gli onori riservati a un illustre cittadino che oggi rappresenta l’Italia nel mondo, meritevole davvero di una cittadinanza onoraria.

“Orgoglio di Zungoli, siamo fieri di te, buon lavoro Nicola Del Medico – scrive Anita Grande”. L’emozione e la gioia della zia  Pina Del Medico: 

“Progettare, sperare, persistere, crederci, impegnarsi, sono le prerogative per ogni tipo di successo, soprattutto quando, in cima ad ogni tipo di ideale, permane, vincendo, la modestia sono stati questi i principi, le ideologie, le qualità che, col tempo, negli anni più rivolti alla spensieratezza, per molti, hanno permesso a Nicola Del Medico, un giovane talentuoso, affabile, solare, buono in ogni aspetto, a far raggiungere un grande traguardo professionale, nonché socioculturale politico infatti, Nicola, dopo la laurea in scienze politiche, poi un lungo periodo in Belgio, per formarsi, crescere, acculturandosi, è stato proclamato, dal nostro presidente Mattarella, acclarato alla carriera diplomatica internazionale e, quando tutto intorno a lui, a noi, le difficoltà socio esistenziali, si lasciavano intravedere, niente, nessuno, gli ha mai lasciato di tentare di mollare.. dopo due anni intensi di impegno silenzioso ma proficuo, presso la sede della Farnesina, a Roma, Affari Esteri, Nicola Del Medico è stato nominato console di Italia presso l’ambasciata estera della Corea del Sud, con sede a Seul, dove andrà a svolgere ogni tipo di attività politico, economica, culturale, rappresentando la nostra Italia, in una terra bellissima sebbene lontana. Nicola, nato nella ridente Irpinia, figlio di genitori zungolesi, partirà senza mai dimenticare le sue origini, quelle che gli hanno lasciato sognare, realizzando un sogno di cui, la famiglia tutta, insieme al beneficio internazionale, potranno sempre vantarsi. Vai Nick, sogna ancora, lancia una freccia piena di sole che vada a colpire bersagli ricchi di emozioni, soddisfazioni sii esempio di perseveranza, soprattutto adesso che, sognare è diventato impossibile.”

Fonte ottopagine.it