Napoli, intasca i soldi dei condomini per la ristrutturazione del palazzo: arrestato amministratore

Avrebbe intascato 68.000 euro versati per la ristruttazione di un edificio del quartiere Fuorigrotta, a Napoli: è quanto la sezione reati economici della Procura della Repubblica di Napoli contesta all’amministratore

di condominio Matteo Vozzella, di 63 anni, al quale la Guardia di Finanza ha notificato una misura cautelare emessa dall’autorità giudiziaria. Vozzella è accusato di essersi appropriato della somma attraverso una società da lui gestita, la E.D.P. sas.

Per fronteggiare le spese dei lavori, circa 200.000 euro, affidati a una ditta romana, la E.D.P. ha sottoscritto un finanziamento con una banca che però non è stato onorato. La vicenda è venuta a galla quando l’istituto di credito ha trasferito la pratica al settore Recupero Crediti per cercare di recuperare la somma prestata. L’amministratore, come sottolinea una nota, si è sempre mostrato non collaborativo nei confronti del condominio negando anche la restituzione dei documenti contabili-amministrativi. I finanzieri, che hanno indagato in piena pandemia, hanno anche perquisito l’abitazione dell’amministratore.