Muore di infarto in rapina, condannato 46enne. Cade l’accusa di morte come conseguenza di altro reato

Armato di una pistola, poi rivelatasi un giocattolo, tentò di rapinare un salumiere, a Napoli,

provocandone la morte per infarto: è stato condannato a otto anni di reclusione dal gup Vertucci, Luigi Del Gaudio, il 46enne finito sotto processo per la morte di Antonio Ferrara, storico commerciante del centro, deceduto durante un tentativo di rapina il 7 dicembre del 2018.

Il pm Ida Frongillo, titolare del fascicolo (procuratore aggiunto Rosa Volpe), al termine della requisitoria, lo scorso 23 settembre, chiese 12 anni di carcere per Luigi Del Gaudio, ipotizzando nei suoi confronti il reato di tentativo di rapina, accusandolo però anche della morte del salumiere come conseguenza di un altro reato. Per questa accusa il 46enne è stato però assolto. Il gup non ha riconosciuto all’imputato le attenuanti generiche. Le motivazioni della sentenza saranno rese note da 90 giorni.