Mes, maggioranza divisa. Attesa per Conte-Salvini in aula

Tutti si aspettano un bis della seduta del 20 agosto: un nuovo redde rationem tra Giuseppe Conte e Matteo Salvini, quando il premier domani in Senato riferirà sul Mes. Conte al mattino parlerà in Aula alla Camera in difesa della riforma del Meccanismo di stabilità europeo (Mes), ma poi al Senato intende smentire le parole “calunniose” pronunciate nei suoi confronti da parte di Salvini, che avrà il vantaggio di poter parlare per secondo, come il 20 agosto.

La teatralità dello scontro sarà tuttavia politicamente meno significativa rispetto alla spaccatura sulla riforma del Mes dentro la maggioranza, che il vertice serale di Palazzo Chigi dovrà affrontare. Oltre alle comunicazioni alle Camere, infatti, incombe l’Eurogruppo di mercoledì prossimo, dove il ministro Gualtieri dovrà portare la posizione italiana, e si avvicina anche il voto delle risoluzioni del parlamento – il 10 dicembre – in vista del Vertice europeo. Un voto su cui se la maggioranza non si ricompatta il governo potrebbe cadere, ipotesi per qualcuno ormai nel novero delle possibilità, visti i primi dubbi in casa Dem sull’opportunità di proseguire l’alleanza con M5s.

E’ iniziato a Palazzo Chigi il vertice di maggioranza sul Mes. Al vertice sono presenti, oltre al premier Giuseppe Conte, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, il titolare della Farnesina e capo delegazione del M5S, Luigi Di Maio, il ministro della Cultura e capo delegazione del Pd Dario Franceschini, il ministro della Sanità e capo delegazione di Leu Roberto Speranza. Presenti anche il ministro per lo Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro e il ministro per gli Affari Europei Vincenzo Amendola.
I presenti alla riunione sono arrivati a Palazzo Chigi diversi minuti prima dell’inizio del vertice.

Italia Viva non parteciperà al vertice di maggioranza a palazzo Chigi dedicato al Mes. La decisione è stata presa dopo una consultazione tra i massimi dirigenti del partito guidato da Matteo Renzi. Italia Viva legge il vertice come un momento di chiarimento tra Pd e M5s, dopo che sabato si è alzato il tono del confronto fino a divenire scontro. Iv ha ribadito al premier Conte e al ministro Gualtieri che appoggia le loro decisioni.

“Il presidente di Italia Viva Rosato ha spiegato al presidente Conte, visto che il nuovo litigio della maggioranza è sul Mes e noi siamo i pacificatori, che non abbiamo nulla su cui litigare, se la vedessero tra loro”. Lo ha detto Matteo Renzi a Non è l’Arena su La7, intervistato da Massimo Giletti, sull’assenza di Iv a Palazzo Chigi. “Gli italiani sono stanchi di questi vertici ogni tre giorni, vogliono risposte. Sembrano delle serie come Beatiful”, ha aggiunto.