I giornalisti Petino e Jovane aggrediti a San Felice a Cancello. Il Sindacato: “Necessario intervenire”

Napoli. “Erano andati presso l’ex cava Giglio a San Felice a Cancello per effettuare le riprese della discarica sotterranea individuata in quell’area, dove sono ora in corso dei rilievi. Ma davanti alla polizia provinciale e ai vigili del fuoco sono stati aggrediti da due energumeni che prima hanno chiesto loro di uscire dalla proprietà della cava e, una volta fuori, li hanno aggrediti.

Il direttore di Videoinformazioni Pierpaolo Petino è caduto, mentre il videomaker Alessandro Jovane è stato colpito da un pugno in pieno viso. Per fortuna, l’intervento repentino delle forze di polizia presenti ha evitato il peggio. Jovane è stato trasportato immediatamente presso l’ospedale di Maddaloni dal 118. Sono quattro i giornalisti aggrediti negli ultimi cinque giorni, quella della Campania è una situazione di emergenza per l’informazione come ha evidenziato il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, durante la riunione di venerdì scorso.

Il Sindacato offrirà tutta l’assistenza possibile ai colleghi aggrediti, ai quali va la nostra solidarietà, e si costituirà parte civile nel processo contro i loro aggressori. Ma è evidente che sono necessarie iniziative forti sul territorio, dove a rischio c’è l’agibilità stessa della professione”, è quanto affermano in un comunicato congiunto la Fnsi, il Sugc e l’Unione cronisti della Campania.

Il lavoro di tanti giornalisti, che sono impegnati in un territorio difficile come la Campania, non si dovrà mai piegare ad alcun tentativo di condizionare o di impedire la libertà di stampa. Un episodio assurdo e inammissibile, come qualsiasi atto di violenza, ancor di più ingiustificabile perché volto a minare, attraverso l’intimidazione, il diritto fondamentale all’informazione che prima ancora che diritto del giornalista a informare è diritto del cittadino a essere informato.

“In un clima di generale intolleranza, e nello sforzo continuo di raccontare quello che accade, convinti che la libertà di stampa sia simbolo e garanzia di un governo e territorio democratico, convinti che la libertà di cronaca sia il perno di tutte le altre libertà riconosciute dalla Costituzione, esprimiamo, la convinta e ferma solidarietà ai due giornalisti Pierpaolo Petino e Alessandro Jovane perché fautori di questo autentico valore”.

Così gli esponenti di Fratelli d’Italia-Sovranità Sociale Partenopea Rosario Lopa e Alfredo Catapano.