Intascava la pensione della zia morta nel 2013: decreto di sequestro notificato a una 50enne

Ha nascosto la morte della zia convivente avvenuta nel 2013 e per ben quattro anni ha continuato

ad intascare pensione e indennità di invalidità. Questo è quanto hanno scoperto i finanzieri di Torre Annunziata, che hanno notificato a una donna di 50 anni, nipote dell’anziana deceduta, residente a Santa Maria la Carità, un decreto di sequestro emesso dalla Tribunale su richiesta dell’ufficio inquirente guidato dal procuratore Nunzio Fragliasso.

La 50enne ha ritirato, per tutti questi anni, la “reversibilità” e l’indennità di invalidità civile che l’Inps accreditava sul conto corrente intestato a lei e alla zia deceduta. Il provvedimento di sequestro fino a 50.000 euro, la somma che la donna indagata avrebbe percepito indebitamente, riguarda una parte dell’appartamento del quale la 50enne possiede la disponibilità.