Guerra dei manifesti a Torre del Greco: Ciro Borriello copre tutti gli spazi non autorizzati. Valentina Ascione: “Vergognoso”

Parte la guerra dei manifesti a Torre del Greco. Ciro Borriello copre tutti gli spazi (abusivamente) degli altri candidati. Nulla è cambiato fino ad oggi. C’è chi parla di correttezza, c’è chi parla di cambiare modo di fare politica, ma c’è anche chi continua a fregarsene delle regole e a fare quello che vuole, ovviamente senza che alcuno intervenga.

Accade a Torre del Greco, dove in mattinata sono stati affissi tutti i manifesti del candidato sindaco di centrodestra Ciro Borriello, a coprire quelli affissi qualche ora prima da altri candidati.

Praticamente ha tappezzato la città corallini di manifesti in spazi, praticamente, non autorizzati. Immediata la reazione degli altri candidati.

“E’ vergognoso – ha sottolineato Valentina Ascione, candidata al consiglio comunale nella lista “Valerio Ciavolino per Torre” – assistere a mezzucci come questi per fare campagna elettorale. Distruggere gli altri per emergere. Questa non è la campagna elettorale come la intendiamo noi… Tra l’altro, ogni lista ha il proprio spazio assegnato. Ma loro, ovviamente, sono abituati a prendersi tutto e a coprire il pensiero degli altri. Questa non è democrazia”.

Poi Ascione aggiunge: “Ma noi continuiamo per la nostra strada cercando di costruire il futuro di Torre del Greco su progetti seri e non sulla distruzione di quelli degli altri. Avremmo apprezzato sicuramente un confronto su programmi concreti, ma è chiaro che loro non hanno argomenti su cui confrontarsi altrimenti non si comporterebbero così”.