Covid, l’Aifa dice sì alla terza dose di vaccino

Via libera dell’Aifa alla terza dose del vaccino anticovid. Priorità sarà data, in una prima fase, ai soggetti immunodepressi.

Soggetti immunodepressi, trapiantati, grandi anziani, ospiti delle Rsa e sanitari a maggiore rischio (ad esempio se in attività nei reparti Covid). Sono queste, secondo quanto si apprende, le categorie per le quali la Commissione tecnico scientifica (Cts) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha dato il via libera alla terza dose di vaccinazione anti-Covid.

Per i richiami, secondo le indicazioni del parere della Cts Aifa, verranno utilizzati i vaccini a mRna, ovvero i vaccini Pfizer e Moderna. 

Nel parere della Commissione Aifa sulla terza dose per la vaccinazione anti-Covid non è inclusa la popolazione generale, perché per la valutazione del richiamo sulla popolazione più ampia sono attesi ulteriori dati.

A precisarlo è la stessa Aifa. Nel provvedimento, spiega, “non viene inclusa la popolazione generale in attesa che EMA valuti i dati forniti dalle aziende produttrici dei suddetti vaccini”. “L’estensione di tale misura a livello nazionale – conclude – assunta in anticipo rispetto alla posizione EMA, si configura come importante atto di sanità pubblica per la tutela della popolazione più esposta a forme gravi di Covid”.

La terza dose di richiamo del vaccino anti-Covid dovrebbe essere somministrata, secondo quanto si apprende, “almeno dopo 28 giorni” dalla seconda dose per quanto riguarda i soggetti immunodepressi ed i trapiantati. Il richiamo andrebbe invece effettuato “almeno dopo sei mesi” per le altre categorie indicate, ovvero grandi anziani, ospiti delle Rsa e personale sanitario a rischio. Sarebbe questa l’indicazione contenuta nel parere sulla terza dose elaborato dalla Commissione tecnica scientifica (Cts) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa).

“Aifa oggi ha chiuso il suo lavoro sulla terza dose: partiremo dai più fragili che dopo due dosi non hanno protezione necessaria. Ci sarà poi una circolare del ministero in merito”. Così il ministro della Salute Roberto Speranza al festival della salute. “Dopo la prima fascia partiremo dai primi che sono stati vaccinati: mettere in sicurezza le Rsa è una priorità e poi dobbiamo salvaguardare gli over-80 ed il personale sanitario. Riconfermo che sulla disponibilità di dosi non abbiamo difficoltà. Possiamo garantire la terza dose”

I DATI DI OGGI – Sono 5.522 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 5.923. Sono invece 59 le vittime in un giorno, ieri erano state 69. Sono 558 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia, sei in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 38, stesso numero di ieri. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 4.230; si tratta di 5 persone in meno rispetto a ieri. Sono 291.468 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia. Ieri erano stati 301.980. Il tasso di positività è all’1,9%, stabile rispetto al 2% di ieri. Dall’inizio della pandemia i casi sono 4.590.941, i morti 129.766. I dimessi e i guariti sono invece 4.331.257, con un incremento di 7.122 rispetto a ieri, mentre gli attualmente positivi sono 129.918, con un calo di 1.663 casi nelle ultime 24 ore.

Fonte Ansa.it