Cessione del quinto: ecco perché conviene

La cessione del quinto è una forma di finanziamento molto particolare. Quando si parla di prestiti ci possono essere delle enormi differenze tra le soluzioni proposte dalle banche e dalle finanziarie. Per questo è importante conoscere le caratteristiche dei vari finanziamenti, in modo da individuare la scelta più conveniente ed in linea con le proprie esigenze.

Anche se si differenzia dai classici finanziamenti per alcune sue caratteristiche, la cessione del quinto rientra nella categoria dei prestiti personali. Questo significa che il cliente della banca o della finanziaria non deve motivare la sua richiesta di prestito. Inoltre i soldi erogati vengono accreditati sul conto del richiedente, che potrà disporne in completa autonomia.

Caratteristiche e funzionalità della cessione del quinto

Prima di scoprire quali sono gli aspetti più importanti di questa formula, è necessario fare chiarezza sui soggetti che possono beneficiarne. Non tutti infatti possono ottenere un prestito con cessione del quinto. Questo finanziamento è riservato ai pensionati, ai dipendenti pubblici e, a determinate condizioni, ai dipendenti privati.

La peculiarità più interessante della cessione del quinto riguarda la modalità di rimborso. Le rate mensili vengono infatti pagate all’istituto erogante dal datore di lavoro (o dall’ente pensionistico), che trattiene il relativo importo in busta paga. L’importo della rata poi non può essere più alto della cosiddetta quota cedibile, che è pari ad un quinto della retribuzione netta.

Il piano di rimborso può arrivare fino a 120 mesi di durata. L’importo massimo che si può ottenere dipende da diversi fattori, ma i più importanti sono proprio la durata del finanziamento e l’entità dello stipendio o della pensione del richiedente. Il fatto che le rate vengano pagate dal datore di lavoro riduce di parecchio il rischio di mancato rimborso.

Per questo motivo le banche e le finanziarie non richiedono ulteriori garanzie, anche se la legge prevede la stipulazione obbligatoria di un’assicurazione contro il rischio morte e il rischio perdita di impiego. Inoltre, sempre per la stessa ragione, il prestito con cessione del quinto può essere richiesto anche da chi in passato ha avuto qualche problema di solvibilità (cattivi pagatorie protestati) e quindi farebbe tanta fatica ad ottenere un altro tipo di finanziamento.

I vantaggi della cessione del quinto

Scopriamo quali sono i vantaggi di questo prestito e perché viene richiederlo. La cessione del quinto conviene perché:

  • È facile da ottenere. Non bisogna giustificare la richiesta, le banche sono disposte ad accettare le domande di finanziamento perché il rischio di insolvenza è molto basso.
  • Non sono richieste garanzie aggiuntive, né reali, né personali.
  • Si possono ottenere importi abbastanza elevati.
  • Le tempistiche di erogazione sono contenute; solitamente si tratta di un periodo di non oltre tre settimane di attesa.
  • I tassi di interesse sono convenienti, soprattutto per chi può beneficiare di speciali convenzioni, e rimangono fissi per l’intera durata del finanziamento.
  • Il piano di rimborso può durare fino a 10 anni.
  • L’impegno mensile rimane costante nel tempo e visto il limite del 20% dello stipendio è sempre sostenibile.
  • Il rimborso effettuato direttamente dal datore di lavoro rende tutto più pratico e non si corre il rischio di dimenticarsi una scadenza.
  • Anche i protestati ed i cattivi pagatori possono ottenere il prestito.

Inoltre, come detto, possono accedere al finanziamento solo i pensionati, i dipendenti pubblici e i dipendenti privati che lavorano per aziende che rispettano determinati limiti dimensionali possono ottenere la cessione del quinto.

È opportuno poi considerare le coperture assicurative obbligatorie previste dalla legge che, in molti casi, sono a carico della banca, ma è necessario leggere con attenzione tutte le condizioni. Tramite un confronto tra le varie soluzioni è possibile individuare le proposte più convenienti.

Per approfondimenti visitare https://www.chescelta.it/cessione-del-quinto/.