Anticipi Serie A: la Lazio si rialza, il Toro tenta la rimonta ma perde a Cagliari. Pareggio tra Brescia e Genoa

Senza un attimo di sosta, riparte la Serie A con la 28ª giornata. Dopo la straripante vittoria di venerdì della Juventus per 4-0 sui salentini, torna a trionfare anche la Lazio, nell’anticipo delle 21:45.

I ragazzi di Simone Inzaghi, desiderosi di riscatto dopo la sconfitta di mercoledì contro l’Atalanta, tentano in tutti i modi di difendere il secondo posto, lottando con le unghie e con i denti contro la Fiorentina di mister Iachini. Torna in campo, dopo mesi di stop legati all’infortunio, l’esperienza e l’abilità di Franck Ribéry, che al 25° porta in vantaggio i viola. Ma nella ripresa a ritrovare il gol è il talento di Torre Annunziata Ciro Immobile, a segno su calcio di rigore dopo un fallo molto discutibile di Dragowski su Caicedo. La svolta decisiva del match arriva all’82°, praticamente a poco dalla fine: Luis Alberto, con un pizzico di fortuna, vince un rimpallo e calcia il pallone rasoterra. Male Vlahovic nel finale, che sferra una gomitata a Patric, venendo così espulso.

Trova nuovamente la vittoria anche il Cagliari, che cerca in tutti i modi di recuperare la splendida forma, che ha caratterizzato i sardi a inizio stagione. In pochi minuti i rossoblù si portano in vantaggio sul Torino di Moreno Longo, grazie ai gol di Nandez e Simeone. Nella seconda frazione è il turno di Nainggolan, che sigilla il vantaggio. Dopo un’ora di gioco però il Cagliari appare distratto, e rischia grosso. in 5 minuti il Torino segna due gol, rispettivamente di Bremer e del Gallo Belotti. Il desiderio rimonta prende piede per i granata, ma la partita non è ancora finita. Al 69° un fallo di Nkoulou su Pellegrini – che tenta di saltare il camerunese con una “veronica” – concede un calcio di rigore ai sardi, ben trasformato da Joao Pedro. La corsa del Cagliari dunque procede, con un unico grande obiettivo, comune a numerose squadre: l’Europa League.

A Brescia finisce 2-2 il match tra i biancazzurri e il Genoa. Partono bene i lombardi con le reti di Donnarumma e Semprini nel giro di tre minuti. Ma per tutta la partita saranno i calci di rigore a farsi beffe della squadra di Diego Lopez. Iago Falqué realizza al 38° un primo tiro dal dischetto, per fallo di Romero. Al 70° un altro rigore, questa volta segnato da Pinamonti, sigla la rimonta. Uno scontro al “vertice” quello tra Brescia e Genoa, due squadre che occupano le zone basse della classifica. Il Brescia spreca un’opportunità importante per poter tentare di sfuggire alla retrocessione, mentre il Genoa conquista un punto fondamentale nella sua lotta per conquistare la salvezza.