Pompei, bar rubava energia elettrica: arrestata una 50enne di Torre Annunziata, denunciato il proprietario di Boscoreale

Ieri personale della Stazione Carabinieri di Pompei, agli ordini del maresciallo Tommaso Canino, ha proceduto all’arresto di S.C. 50enne di Torre Annunziata poiché all’atto di una verifica eseguita unitamente a personale Enel, è stato accertato che il bar da questi gestito unitamente al proprietario D.M.G. 54 enne di Boscoreale, ubicato nella zona Mercato dei Fiori di Pompei, presentava delle irregolarità nella registrazione del consumo elettrico. In particolare è stato trovato un magnete di notevole potenza applicato al misuratore, nonché un cavo elettrico abusivo. Nello specifico era stato accertato che il misuratore elettronico registrava l’85% in meno del consumo effettivo per un danno nei confronti della società elettrica stimato, negli ultimi 5 anni, in oltre 40.000 euro. I Carabinieri di Pompei, coordinati dal maggiore Luigi Coppola  hanno pertanto proceduto all’arresto della donna presente presso il bar all’atto dei controlli, atteso che la stessa aveva ammesso di aver applicato lei il magnete, e la denuncia in stato di libertà del proprietario dei locali, assente durante gli accertamenti. Hanno inoltre proceduto al sequestro del magnete e del cavo elettrico recuperato dai tecnici enel.
Il Giudice Monocratico di Torre Annunziata, nella mattinata, ha convalidato l’arresto operato disponendo la reimmissione in libertà della signora, che nel pomeriggio di ieri era stata sottoposto alla misura precautelare degli arresti domiciliari.